Ecco il n. 7 di luglio 2018 de il Punt e l'inserto (leggili e scaricali QUI e QUI)
I Socialisti prendono l’iniziativa per una confronto a tutto campo nella sinistra 

  

Leggi tutto

PER I SOCIALISTI E LA SINISTRA È TEMPO DI CAMBIARE
Contributo al dibattito sul futuro della sinistra e l'alternativa di governo che oggi non c'è
di C. Lorenzo Corelli*

A sinistra è necessario un bagno di umiltà e di ragionevolezza, forse ancora possibile rinnovando non soltanto l’approccio politico, ma gli stessi gruppi dirigenti, non guidati però da furia parricida, poiché ognuno dovrà contribuirvi nell’alleanza tra le generazioni: chi con la dottrina e l’esperienza, chi con la voglia e lo slancio necessario di guidare un nuovo corso con la forma mentis e nei modi dettati dai rapidi mutamenti del tempo che viviamo.
Per farlo serve innanzi tutto superare ritrosie a lasciare il comando e ripristinare quel rispetto reciproco che può rendere operosa e coesa una comunità politica. 
Né può valere il sospetto che il rinnovamento sia una lacerazione insopportabile, poiché opporvisi, ormai, lo sarebbe ancor di più e ci condurrebbe ad una inesorabile, inaccettabile e insormontabile ulteriore…

Leggi tutto

È USCITO IL N. 6 DE il puntO DI GIUGNO 2018 (leggilo e scaricalo qui) 
assieme a un inserto con la rubrica Socialismo & dintorni in Romagna
e Altre in breve dal territorio (leggilo e scaricalo qui)

Una sinistra umanitaria che voglia essere competitiva dovrà confrontarsi con i profondi cambiamenti che hanno lacerato antiche consuetudini e, al contempo, creato opportunità inimmaginabili.
Presenteremo alla convention del 7 luglio il portolano da cui avviare la riflessione. Eccolo, in pillole:
1. Valori alti: il senso mazziniano per la responsabilità e il dovere, la spinta turatiana verso i diritti e le libertà.
2. Vivere nella contemporaneità ma abbandonando l'idea illuministica del progresso illimitato. Le radici vanno innaffiate, non tagliate. O si protegge la comunità o rischiamo di annegare nella globalizzazione.
3. Diritto di cittadinanza alla parola 'patria', spesso invisa alla sinistra, e bandire la parola 'Paese' in sostituzione del termine Italia. Non si tratta di chiudersi nei…

Leggi tutto

A RIMINI IL 29 E 30 GIUGNO 2018
venerdì 29 ore 18.30 - Spiaggia n. 44, Lungomare Augusto Murri 20
sabato 30 ore 10.30 - Hotel Junior via Parisano 40


Tante sono le domande che i giovani possono porsi e porci, alle quali non dobbiamo però rispondere come se a porle fossero dei pericolosi “rottamatori”, ma mettendoci a disposizione per una rinnovata alleanza tra le generazioni. Se discutono a modo loro su cosa sia la sinistra, come noi facevamo quando era il tempo nostro, non abbiamo nulla da temere. In fondo il fine resta comune: la sinistra non è altro che la speranza di costruire un futuro migliore per milioni di individui che vivono nel disagio, nella miseria, nell'incertezza. E, oggi, le giovani generazioni sono tra quelle che si aspettano dal futuro meno assistenza sociale, meno garanzie di inclusione e più difficoltà economiche. Quando poi i primi attori, con LA STRADA a SINISTRA, del confronto di idee e proposte per un nuovo presente, sono i quadri e i militanti socialisti più…

Leggi tutto

È USCITO IL N. 5 DE il puntO DI MAGGIO 2018 (leggilo e scaricalo qui)

 ■ ■ ■

È NATO IL GOVERNO M5S-LEGA
Stando alle intenzioni, e ai contenuti - spesso soltanto generici auspici - del programma di governo, ci sono tutte le premesse di un pericoloso mix di improvvisazione, irresponsabile demagogia, inquietanti tratti illiberali ed imbarazzanti simpatie internazionali

 ■ ■ ■

NON SI PUÒ CHE VIGILARE E OPPORSI CON AUTOREVOLEZZA, DIMOSTRANDO
DI ESSERE CAPACI DI RICONOSCERE GLI ERRORI E COSTRUIRE L’ALTERNATIVA
con un approfondito dibattito nella sinistra e un congresso che rinnovi e ricostruisca il campo socialista

L'editoriale di Riccardo Nencini
e il documento "La strada a sinistra" presentato alla Direzione Nazionale del Partito 
il 31 maggio da Lugi Iorio, Federico Parea, Elisa Gambardella e Francesco Bragagni


NENCINI. ECCOLI!

Era una delle soluzioni possibili, da un anno sostengo fosse l'esito più probabile. Tutto vero: programmi diversi, uno a nord l'altro a sud, uno di destra (atipica…

Leggi tutto

E' IN LIBRERIA

Polvere e perle
Donne in un interno del Novecento' 
di Maria Paola Patuelli (Ed. Pendragron)

Si tratta di una storia familiare, dai primi del 900 fino agli anni '60, che incontra la grande storia, con al centro la vita della madre, giovane staffetta partigiana e sempre animata da instancabile impegno civile.
In quel contesto, la prima parte del libro ripercorre i primi anni del socialismo nei borghi ravennati, dove campeggia il nostro Circolo Aurora, al quale sono dedicate molte pagine che ne tratteggiano il ruolo centrale nella emancipazione di donne e uomini dei ceti più deboli.
Confidando di suscitare il vostro interesse alla lettura del libro, vi proponiamo alcuni cenni di quelle pagine che ci inorgogliscono come socialisti.
 
Il Circolo socialista Aurora                                                                                                        
uno di più vivi e attivi della città. Crocevia di tante vite povere, proletarie e operaie,…
Leggi tutto


Un incontro organizzato dai dirigenti under 40 del Partito Socialista Italiano in cui parlare del futuro della sinistra dopo la debacle elettorale del 4 marzo. “La Strada a Sinistra”, questo il nome del workshop che si è tenuto a Roma il 16 maggio presso la sede nazionale del PSI.
L’incontro (https://www.radioradicale.it/scheda/541499 per ascoltarlo e vederlo integralmente) è stato organizzato su iniziativa della portavoce Maria Pisani, del responsabile Lavoro Luigi Iorio, della responsabile Programma Elisa Gambardella, del responsabile Economia Federico Parea e del vice segretario regionale dell’Emilia Romagna Francesco Bragagni, che hanno chiamato a raccolta le migliori energie presenti nel partito per elaborare una prospettiva capace di ridefinire l’identità della sinistra.
L’iniziativa, su invito personale, ha visto oltre ai promotori, la presenza del responsabile Organizzazione, 
Enzo Maraio e del Responsabile Social Network Scipione Roma. Al workshop hanno partecipato…

Leggi tutto

È USCITO IL NUMERO 4 - APRILE 2018 DE  il puntO
(leggilo e scaricalo qui)
 

Leggi tutto

COMUNE DI RAVENNA. IL PSI ADERISCE ALLA MAGGIORANZA
I MOTIVI DI UNA DECISIONE PRESA NON A CUOR LEGGERO NE' PER LUCRARE VANTAGGI O POLTRONE
sintetizzati in una breve dichiarazione della segreteria del Partito inviata
al Sindaco, ai Gruppi 
di maggioranza e alla stampa (leggila/scaricala qui)

I diversi percorsi politici, estranei al nostro, da tempo intrapresi della quasi totalità degli aderenti alla Lista civica Ravenna In Comune, alla fine si sono manifestati appieno con le elezioni del 4 marzo.
Poco sarebbe importato se la Lista Ravenna In Comune, in quanto tale, avesse sempre mantenuto le sue caratteristiche civiche, senza cioè assumere di fatto una connotazione politica che non poteva non estraniarci.
A Onor del vero non è stato così per i consiglieri della Lista, Raffaella Sutter, prima e Massimo Manzoli, ora, che hanno invece continuato a portarne avanti il programma amministrativo, evitando di manifestare esplicitamente opzioni politiche personali.
Nessuna recriminazione quindi,…

Leggi tutto

DAL N° 3 DI MARZO 2018 DE il puntO (LEGGILO E SCARICALO QUI)

DOPO IL VOTO DEL 4 MARZO

ROMA. NENCINI E LA SEGRETERIA NAZIONALE
Inizia così la lettera che il Segretario  nazionale  Riccardo Nencini, ha inviato ai leaders dei partiti della sinistra di governo dopo il voto del 4 marzo. Di fronte a una sonora sconfitta bisogna ispirarsi a un canone diverso che cali la sinistra riformista nello straordinario cambiamento che ha sconvolto abitudini secolari. Una dinamica che va fronteggiata percorrendo la strada della coesione politica e di un pensiero adeguato a ricongiungere la sinistra col suo popolo ... (prosegui la lettura nella prima pagina de il puntO) 

RAVENNA. L’ATTIVO PROVINCIALE
Russi 18 marzo. Dal dibattito sono emerse interessanti valutazioni: Se pensiamo davvero che valga la pena continuare a tenere in vita un autonomo Partito Socialista, dobbiamo renderne chiare le ragioni, diversamente saremo soltanto gli ultimi di una bella storia che si conclude con noi. È questo il…

Leggi tutto

Il movimento Non una di meno: "Rivendichiamo un reddito di autodeterminazione, un salario minimo europeo e un welfare universale, garantito e accessibile". Tra le vittime di omicidio le donne erano il 24% nel 2007, oggi sono il 34%. Il persecutore in un caso su tre è l’ex partner. La disparità di reddito non cala: le donne portano a casa mediamente il 48% in meno degli uomini.

Leggi tutto


scarica qui tutti i dati

COSI' LA LISTA INSIEME ALLA CAMERA:
0,60 IN ITALIA • 0,77 IN REGIONE • 0,65 IN ROMAGNA • 0,93 IN PROVINCIA

ELEZIONI 2018.
BISOGNA RISOLLEVARSI
Il clamoroso sommovimento elettorale non ha risparmiato la nostra regione
NELLA NOSTRA PROVINCIA INSIEME OTTIENE LO 0,85% MA IL CONSENSO ALLA LISTA TRA GLI
UNDER 25 E' oltre il 2% COME INDICA IL VOTO ALLA CAMERA SOPRATTUTTO A BAGNACAVALLO,
FAENZA E RUSSI. UN VOTO DELLE GIOVANI GENERAZIONI INCORAGGIANTE PER IL FUTURO

Dopo 25 anni il voto ha spazzato via in un sol colpo la cosiddetta seconda Repubblica e liquidato quel poco che restava della prima, segnando probabilmente il definitivo declino dei Partiti che la Repubblica l’avevano fatta e il nostro tra questi. Ora, come 25 anni fa, si ripresenta un moto di ribellione a ruberie, privilegi e sprechi, ingenuo, forse, perché spesso rivolto soltanto a quelli altrui, ma genuino. Il primo fu però anche un moto di liberazione, poiché la fine del comunismo in Europa, sancita dalla…

Leggi tutto

il puntO Speciale elezioni (leggilo qui)  e i prossimi appuntamenti
elettorali della Lista INSIEME in provincia di Ravenna
GUARDA E SCARICA QUI I FAC SIMILI DELLE SCHEDE ELETTORALI DI CAMERA E SENATO IN REGIONE 

RAVENNA. Venerdì 23 febbraio - ore 17.30 - al Caffè Letterario (via Diaz 26) presentazione del libro di Marco Boato "Il lungo '68 in Italia e nel Mondo - cosa è stato, cosa resta", con l'autore e Sauro Turroni - capolista al Senato della Lista INSIEME, introduce Daniele Perini - capolista alla Camera.

FAENZA. Lunedì 26 febbraio - ore 11 - al Nove100 Caffè (corso Mazzini 69/A) conferenza stampa della Lista INSIEME con i candidati e i capilista Sauro Turroni - Senato e Daniele Perini - Camera.
Su faenzawebtv http://www.faenzawebtv.it/w/elezioni2018-la-lista-insieme-si-presenta-a-faenza-in-vista-del-4-marzo/

CERVIA. Lunedì 26 febbraio - ore 18 - al Bar Italia di Cervia (piazza Garibaldi 11) incontro con i candidati della Lista INSIEME e i capilista Sauro Turroni al Senato e Leggi tutto

DAL N° 2 DI FEBBRAIO 2018 DE il puntO (QUI per leggerlo)
 
insieme è meglio
 
insieme A RAVENNA. CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA LISTA
mercoledì 14 FEBBRAIO  ore 15 Caffè del Teatro via Mariani 1
I capilista, Daniele PERINI alla Camera, Sauro TURRONI al Senato e i candidati
risponderanno alle domande dei giornalisti e incontreranno le elettrici e gli elettori
 
insieme A BOLOGNA.  MANIFESTAZIONE NAZIONALE
CONTRASTARE LE DISUGUAGLIANZE
sabato 17 FEBBRAIO  ore 11 Teatro delle Celebrazioni via Saragozza 234
intervengono Riccardo NENCINI, Angelo BONELLI – Verdi, Giulio SANTAGATA – area Civica
il Presidente del Consiglio Paolo GENTILONI
Leggi tutto


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I SOCIALISTI VERSO IL VOTO DI MARZO

Alle elezioni politiche del 4 marzo si presenta - alleata del Pd nella coalizione di centrosinistra - la lista insieme, che vede unite tre forze politiche sotto un unico simbolo: Partito Socialista Italiano, Verdi e Area Civica

Nel nostro territorio, come ovunque, i candidati della coalizione nei collegi uninominali sono comuni, mentre nei collegi plurinominali la lista insieme presenta propri candidati:
- al Senato Sauro Turoni - capolista, Monica Ricci, Gennaro Mancino e Livia Santini
- alla Camera Daniele Perini - capolista, Maria Grazia Creta, Francesco Bragagni e Cristina Orsi

Intanto si è costituito il comitato insieme per Ravenna, al quale si può aderire tramite  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (vedi in fondo un primo elenco)

LE RAGIONI E GLI IMPEGNI PER CUI insieme SI CANDIDA AL GOVERNO DELL'ITALIA NELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA:  

"insieme unisce socialisti, verdi e civici in una lista di ispirazione…

Leggi tutto

I CANDIDATI SOCIALISTI DELLA LISTA insieme
NEI COLLEGI PLURINOMINALI DEL NOSTRO TERRITORIO

SENATO (Bologna-Imola, Ferrara, Romagna) Monica RICCI e Gennaro MANCINO
CAMERA
(Romagna) Francesco BRAGAGNI

I CANDIDATI SOCIALISTI NEI COLLEGI UNINOMINALI 
ESPRESSIONE DELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA

TOSCANA - Senato (Arezzo - Siena) Riccardo NENCINI
LAZIO - Senato (Roma-Tuscolano) Oreste PASTORELLI
PIEMONTE - Senato (Moncalieri) Enrico BUEMI
LOMBARDIA - Senato (Lumezzane) Lorenzo CINQUEPALMI
LAZIO - Camera (Cassino) Gianrico RANALDI
CALABRIA - Camera (Castrovillari) Luigi INCARNATO
EUROPA - Camera (Svizzera) Leonardo SCIMMI
SUD AMERICA - Camera (Brasile) Fausto G.LONGO

E QUELLI VERDI E DI AREA CIVICA

CAMPANIA - Camera (Napoli Portici) Francesco BORRELLI
MARCHE - Senato (Pesaro Urbino) Angelo BONELLI
EMILIA ROMAGNA - Camera (Imola) Serse SOVERINI
CAMPANIA - Camera (Avellino) Angelo D'AGOSTINO

È uscito il n° 1 di gennaio de il puntO (leggilo qui)

ALL'AVVIO LA CAMPAGNA DI ADESIONE AL PSI PER IL 2018
dedichiamo a Sandro Pertini il 40° della sua elezione a Presidente della Repubblica

                                       AUGURI ALL'ITALIA

   
  IL 30 DICEMBRE 2017 IN PIAZZA MAGGIORE INSIEME A BOLOGNA        

socialisti, verdi e area civica 'insieme'
una lista ulivista condivisa anche da aderenti al progetto 'campo
progressista' di Pisapia, capitanati dal sindaco 
di Cagliari Zedda  

Da tempo il Partito Socialista, molto prima dell’approvazione della nuova legge elettorale, ha proposto di costruire una coalizione di chiaro segno riformista, espressione delle diverse sensibilità che compongono l’area politica del centrosinistra, in netta alternativa alle spinte massimaliste che in questi ultimi mesi sono purtroppo riemerse. Un obiettivo che per noi è sempre stato chiaro, approvato all’unanimità dai Congressi di Salerno e Roma, a cui abbiamo lavorato con convinzione e impegno. Le difficoltà, non inaspettate, che negli ultimi giorni si sono frapposte alla realizzazione di tale obiettivo, non solo non hanno indebolito, ma hanno rafforzato la nostra convinzione che il perseguimento e la realizzazione di un’aggregazione, autonoma dal Pd, nel segno della sinistra riformista sia la condizione necessaria per offrire all’elettorato una proposta di governo forte e credibile, in continuità con l’azione riformatrice ed europeista. È nata formalmente  la Lista insieme, l’aggregazione elettorale da noi auspicata, che comprende diverse identità che non si sono riconosciute e non si riconoscono nel Pd. Abbiamo così ultimato un lavoro che durava da mesi. Siamo soddisfatti!  Riccardo Nencini.
Dopo quasi dieci anni, sarà di nuovo presente alle elezioni politiche il simbolo Socialista, in una lista autonoma nell’ambito del centrosinistra, per rinnovarlo, assieme ai Verdi e a formazioni civiche democratiche e ambientaliste. Una lista che raggruppa forze che hanno una grande storia di libertà e civiltà. Un nuovo soggetto politico unitario nel segno del riformismo socialista e ambientalista, interessato alle politiche sociali e dei diritti. Un simbolo inclusivo ed aperto che punta sulla sostenibilità non solo ambientale, ma anche sociale.
In Emilia Romagna, non è una novità. Metteva assieme Socialisti, Verdi e civici la lista con la quale ci siamo presentati nel 2014 alle elezioni regionali e, analogamente, alle comunali di Forlì, dove abbiamo eletto un consigliere e siamo presenti in giunta. Civiche pure le liste nelle quali i Socialisti erano presenti alle elezioni comunali del 2016 a Ravenna e Rimini, quest’ultima a forte trazione socialista, della quale il consigliere eletto è espressione.
Le premesse ci sono tutte perché questa aggregazione esprima le proprie peculiarità, introducendo nel centro sinistra elementi di più forte attenzione a temi quali il lavoro e l’occupazione, la tutela ambientale e le istanze delle aggregazioni civiche ispirate dai tanti sindaci che hanno aderito al nuovo progetto politico insieme. Oggi l’Italia è di  fatto orfana della storia socialista, che è anche storia della nazione, così come di quella riformista, laica e ambientalista.

dal n. 12 - dicembre 2017 - de il puntO  (leggi Qui il giornalino)

IL BIOTESTAMENTO È LEGGE. UNA SCELTA DI CIVILITÀ

14 dicembre 2017: Giornata storica per l’Italia. Il Parlamento ha dato il via libera al provvedimento sul testamento biologico dopo anni di promesse, polemiche, ostruzionismo ed emendamenti del centro destra. La lotta è iniziata con Piergiorgio Welby, morto nel 2006 poi  portata avanti dalla moglie. Quindi con il papà di Eluana Englaro, Beppino che ha sopportato battaglie politiche sul corpo della figlia e, nonostante tutto, è rimasto in prima fila a chiedere il rispetto dei diritti. E, tra gli ultimi, con dj Fabo, accompagnato a morire in Svizzera dal radicaleCappato. La spinta definitiva per l’approvazione della legge, che sembrava essere destinata a restare nei cassetti anche in questa legislatura, è arrivata nelle ultime settimane. Decisive forse sono state le dichiarazione di Papa Francesco “ La persona malata riveste il ruolo principale. Le decisioni devono essere prese dal paziente. È anzitutto lui che ha titolo, ovviamente in dialogo con i medici, di valutare i trattamenti che gli vengono proposti e giudicare sulla loro effettiva proporzionalità nella situazione concreta, rendendone doverosa la rinuncia all'applicazione di mezzi terapeutici, o sospenderli, quando il loro impiego non corrisponde a quel criterio etico e umanistico. Qualora tale proporzionalità fosse riconosciuta mancante, è moralmente lecito rinunciare”. Il Papa lo ha scritto nel messaggio al Convegno sul fine vita promosso dalla Pontificia Accademia invocando "un supplemento di saggezza, perché oggi è più insidiosa la tentazione di insistere con trattamenti che producono potenti effetti sul corpo, ma talora non giovano al bene integrale della persona”.
La legge sul testamento biologico introduce, entro alcuni limiti, il diritto all’interruzione delle terapie, che finora doveva passare dai tribunali. Vengono istituite le Dat, disposizioni anticipate di trattamento, che regoleranno il fine vita dei cittadini, grazie alle quali ognuno potrà esprimere le proprie disposizioni. Il testo recita: Ogni persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può, attraverso ‘disposizioni anticipate di trattamento’, esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche o terapeutiche, comprese le pratiche di nutrizione e idratazione artificiali. Tali disposizioni sono revocabili in ogni momento e risultano vincolanti per il medico che, in conseguenza di ciò, è esente da responsabilità civile o penale. Nel caso in cui le condizioni fisiche del paziente non lo consentano, le disposizioni possono essere manifestate anche attraverso un messaggio videoregistrato.
“I socialisti si sono battuti  da sempre  per dare una risposta alle richieste dei cittadini di poter scegliere fino alla fine a quali cure sottoporsi. Abbiamo abbandonato  per troppo tempo donne e uomini che chiedevano semplicemente di poter esprimere la loro volontà nel momento più drammatico della loro vita. Era un dovere della politica legiferare in tal senso  per garantire  un loro diritto”. Così la Presidente del gruppo Psi alla Camera, on. Pia Locatelli

LITORALE RAVENNATE
PREOCCUPANTI SEGNALI DI UNA POSSIBILE INFILTRAZIONE MALAVITOSA

Non pubblicare notizie di interesse collettivo significa oscurare la voce di chi sta dalla parte dei cittadini.
Il 15 dicembre abbiamo inviato agli organi di informazione locali un comunicato per esprimere le preoccupazioni del socialisti in merito alla presenza di microcriminalità che forse nasconde problemi più preoccupanti. Ma la totalità della carta stampata ha ritenuto di non considerarlo degno di interesse.

Di seguito il comunicato. Come sempre il tempo non dimentica. Sono passati decenni da quando la grande lottizzazione di Lido Adriano ha mosso i suoi primi passi. Probabilmente gli attori di quella massiccia urbanizzazione di fascia costiera non erano consapevoli dei suoi frutti avvelenati dai quali grandi e piccoli hanno comunque tratto qualche vantaggio. Col tempo Lido Adriano ha assunto le caratteristiche di una grande periferia a pochi chilometri dalla città, ma soprattutto a ridosso di storiche località costiere – Marina di Ravenna e Punta Marina, Classe e Savio, ecc. - tradizionalmente residenziali e al tempo stesso meta turistica estiva soprattutto famigliare. Una grande periferia, troppo grande, ‘troppo distante’ dalla città, ma anche così vicina a quei centri abitati, che richiedeva di essere alimentata. Non bastavano, ad alimentarla, un po’ di residenti che non trovavano posto altrove e, solo l’estate, i turisti.
La grande periferia aveva fame e, a quella fame, si è posto rimedio in tutti i modi, a volte anche i più discutibili. Sta di fatto che oggi non siamo più sicuri che alcuni fenomeni non rappresentino una vera e propria occupazione malavitosa del territorio, incontrollata e forse incontrollabile.
Se si poteva supporre che il tradizionalmente sano tessuto sociale delle nostre comunità facesse da antidoto e argine a eventuali rischi di questo genere, oggi non lo possiamo più.Tanti sono i segnali di quel rischio, anche politici: un crollo dell’affluenza dei votanti, che alle regionali del 2014 sono precipitati sotto il 40%. E ancora, alle ultime comunali la maggioranza che governa la città è risultata sconfitta in tutto il litorale. Fenomeni questi, per spiegare i quali, data la loro eccezionalità, non bastano i fattori generali di disaffezione verso la politica. Non bastano neppure il malcelato fastidio, da parte di alcuni, verso gli immigrati, né lo sconcerto per l’aumento di furti nelle abitazioni che riguarda anche il nostro forese, ma serve un di più di ripulsa, probabile sintomo di una ancor maggiore sofferenza. Una sofferenza che genera insicurezza e, con essa, un distacco e una sfiducia nelle istituzioni democratiche, tale da favorire la voglia di autoritarismo.   
I socialisti chiedono di non sottovalutare il problema e di porre maggiore impegno nel tutelare i cittadini, intensificando i controlli  e la presenza attiva e continua delle forze dell’ordine. Si verifichino le residenze, quelle effettive e quelle di comodo che, in quanto tali, potrebbero nasconderne un uso improprio, magari in dispregio della legge o della civile convivenza; si accerti se i tanti, troppi, affitti in nero nascondano ‘solo’ redditi che sfuggono al fisco, se i traffici illeciti non riguardino soltanto, si fa per dire, lo spaccio di droga, se infine vi sia un pericoloso insediamento di malavita organizzata.

è uscito il n. 11 - novembre 2017 - de il puntO  (leggi QUI il giornalino e QUI l'inserto)

EQUITÀ ECOLOGIA EUROPA
dopo il convegno di Milano i Socialisti di nuovo in campo
ALLEARE MERITI E BISOGNI PER UNA LISTA COMPETITIVA
(12 novembre 2017)

Si è tenuto venerdì 10 e sabato 11 novembre a Milano il convegno socialista sui meriti e i bisogni a trentacinque anni dalla conferenza della prima Rimini. Non è stata una cerimonia e men che meno il revival di quel che fu la Rimini del 1982, con al suo centro l’intervento di Claudio Martelli che teorizzò la strategia programmatica socialista come un’alleanza tra il merito e il bisogno. Allora si trattava di un’autentica eresia. Il socialismo non aveva mai configurato il merito come una dimensione che gli apparteneva. Al massimo, già con Togliatti, aveva lanciato, a partire dall’immediato dopoguerra, l’alleanza della classe operai coi ceti medi, mentre il Psi della seconda metà degli anni settanta, aveva considerato, grazie ai contributi degli intellettuali di Mondoperaio, come imprescindibile il pluralismo politico dal pluralismo economico.
Martelli, con una visione né classista, né materialistica, avanzò la presenza nella società di due nuove categorie, che potevano trovarsi nelle diverse classi sociali. Quella del bisogno (oggi non è solo dei disoccupati, dei pensionati sociali, degli esodati, degli immigrati disperati, ma anche di intere fasce di occupati al minimo, di commercianti, artigiani, imprenditori perseguitati dalla crisi) e quella del merito (oggi potremmo dire tipica di giovani tecnici costretti purtroppo ad emigrare, di ricercatori, di creatori d’impresa, produttori di ricchezza e di lavoro). E quel che Martelli volle intuire è che il merito e il bisogno dovevano allearsi, in un intreccio tra dimensione pubblica e privata, che oggi si rivela quanto mai indispensabile, alla luce della crisi dello stato sociale, per costruire la società solidale.
Si tratta di idee che poi hanno fatto strada, di proposizioni che non solo oggi non destano scandalo a sinistra, ma che vengono più o meno accettate da tutti. Resta un interrogativo. Perché, nonostante le conferenze programmatiche seguenti, anche da parte dell’odierno Pd, mai é stata delineata con la stessa efficacia una diagnosi altrettanto convincente e suggestiva nonché una terapia altrettanto efficace. Se questa classe politica elabora, tra le altre, la sola teoria della rottamazione, ciò la dice lunga sulla diversa statura, politica e culturale, del vecchio Psi rispetto ai partiti di oggi. A Milano abbiamo cercato, come Mauro Del Bue nella sua relazione, di inserire nella vecchia strategia i nuovi contenuti che attengono alla globalizzazione, alla finanziarizzazione, all’immigrazione, all’europeizzazione, all’emergenza ambientale, che appartengono ai nostri giorni.
Tutto questo può essere molto utile in previsione del nuovo raggruppamento politico ed elettorale che é in via di formazione, perché una nuova lista per le elezioni del 2018 non può prescindere dalla divulgazione di contenuti comuni. Contenuti comuni riassumibili in una nuova triade che potremmo definire quella delle tre E: Equità, Ecologia, Europa. Aggiungendoci quella più tradizionale del nostro mondo e cioè la libertà. Dopo il convegno dell’Ergife e il congresso dei radicali di Emma Bonino, sono arrivati i placet di Nencini per il nostro Partito e di Bonelli per i Verdi. Proprio oggi lo stesso Pisapia ha annunciato una possibile intesa col suo Campo Progressista. L’appuntamento indispensabile è quello di una grande convention comune da convocare, dopo gli organi dei vari soggetti politici, alla fine di novembre. Può nascere davvero un’intesa che prefiguri la presentazione di una lista di grandi potenzialità politiche ed elettorali.

LEGGE ELETTORALE. UN COMPROMESSO, NON UNA CATTIVA LEGGE
l’unica possibile se la si voleva, come è giusto, largamente condivisa
a pie' di pagina segue un commento di Claudio Martelli sui voti di fiducia

Chi la voleva maggioritaria e chi proporzionale. Chi con i collegi uninominali e chi con le preferenze. Chi con un minimo di ‘diritto di tribuna’ per le formazioni minori e chi con uno sbarramento ‘punitivo’ per le stesse. Chi, infine, che favorisse le coalizioni e chi no. C’era addirittura anche chi, preferendo il ‘tanto peggio - tanto meglio’, non voleva nessuna legge votata dal Parlamento.
Dunque, quella che potrebbe apparire una legge ‘arlecchino’, un po’ maggioritaria e un po’ no, con uno sbarramento moderato e che incentiva il formarsi di coalizioni, senza preferenze, è vero, ma con listini bloccati di pochi candidati nella parte proporzionale, altro non è che l’unica mediazione possibile. L’unica se si voleva un consenso esteso e non limitato alla sola maggioranza, come è giusto quando si fissano regole istituzionali. Un compromesso, ma non una cattiva legge.
Del resto basterebbe ricordare come in materia l’opinione pubblica sia stata, nel tempo e seguendo il pifferaio di turno, piuttosto ondivaga. C’è stato, ad esempio, un tempo che le preferenze erano considerate il male assoluto, in quanto favorivano all’ennesima potenza il  controllo e il condizionamento del voto. Mentre ora sarebbero, al contrario, l’espressione più genuina della libertà di scegliere i propri rappresentanti. Ma basterebbe avere memoria, e non soltanto seguire le mode, per dire altrettanto per quanto riguarda ogni altra opzione. E neppure dimenticare che per governare in una Repubblica parlamentare occorre conquistare la maggioranza dei voti o dei seggi.
Con questa legge potrebbe bastare, non la maggioranza assoluta dei voti, ma quella della eventuale conquista della maggioranza dei seggi, grazie alla somma di altrettante singole maggioranze, non necessariamente assolute, di collegio. Non più quindi la totale deformazione, con un premio di maggioranza, della volontà degli elettori. Se ne faccia una ragione chi strepita perché vorrebbe vincere da solo, o quanto meno massimizzare il proprio risultato solitario di lista, e non consentire ad altri di coalizzarsi. Chi lo vuole si accomodi, correre o vincere da soli non è vietato
!
Saranno i partiti e non il popolo a scegliere chi candidare e chi eleggere? È Vero. Ma, per essere sinceri fino in fondo, bisogna pure dire che con qualsiasi legge elettorale la scelta dei candidati è comunque sempre nella totale disponibilità di chi ha la potestà di predisporre le liste. E, nel caso dei collegi uninominali, pure la ‘scelta’ degli eletti, cioè i candidati nei collegi più ‘sicuri’. E anche se a scegliere gli eletti fossero gli elettori con il loro voto di preferenza, di sicuro non potrebbero votare per gli esclusi dalle liste. In ogni caso, con le preferenze, potrebbero essere eletti i candidati più potenti e ricchi, in proprio o grazie ai potentati che li sostengono.
Osserviamo però che sarebbe stato meglio ammettere quel voto ‘disgiunto’ che non obbliga l’elettore ad esprimersi, con un solo voto, sia sul candidato di collegio sia sulla lista/coalizione ad esso collegata. Non averlo consentito nega, almeno in linea di principio, la piena espressione della volontà degli elettori, pur essendo il numero di quelli che lo utilizzerebbero irrilevante, come già avviene nell’elezione dei sindaci.
__________________________________________________________________________________________________________

 così Claudio Martelli sui voti di fiducia
L'unica strada possibile
La violenta polemica sui voti di fiducia è giusta? C’erano altre strade? Più democratiche? Per esempio: si sarebbe potuto fare la legge elettorale con un decreto del governo? In principio niente lo vieta ma tutti convengono che sarebbe stato uno strappo ben più grave. Per non dire che anche i decreti devono essere convertiti in legge e che la questione del voto di fiducia si sarebbe riproposta comunque. Seconda questione: la legislatura è alla fine, incombe l’obbligo di varare la legge di stabilità e la finestra temporale per la legge elettorale sta per chiudersi. Dunque, se non adesso quando? Terza questione: votare a scrutinio segreto 140 emendamenti avrebbe aperto la strada al «Vietnam parlamentare» cioè alla guerriglia minacciata da Bersani. Di qui la scelta di Gentiloni per voti di fiducia che, essendo pubblici, neutralizzano i franchi tiratori. Scelta costituzionalmente legittima (si tratta di una legge ordinaria) e politicamente necessaria. Oltretutto, la legge in discussione – il Rosatellum – è iniziativa di un’ampia maggioranza parlamentare e il governo, con il voto di fiducia, richiesto anche dal grosso delle opposizioni, ha fatto da scudo. Che gridino al golpe i 5 Stelle è nella natura di un movimento nemico della democrazia rappresentativa. La loro democrazia è quella del web, diretta, regolata e ritrattabile secondo convenienza da una ditta privata e dall’arbitrio di un comico pregiudicato. A giugno concordarono e poi affossarono una legge di stampo tedesco. Ora vorrebbero votare coi due moncherini residuati dai tagli della Corte Costituzionale e renderci schiavi del caos che ne deriverebbe. Infine gridano che la legge è fatta contro di loro perché riconosce le coalizioni. Ma se non vogliono alleati e nessuno vuole allearsi con loro, a Di Maio resta sempre San Gennaro.

A MILANO COME 35 ANNI FA A RIMINI 
UN'ALLEANZA RIFORMATRICE FRA MERITO E BISOGNO PER GOVERNARE IL CAMBIAMENTO 

Nel 1982 il Psi convocò a Rimini una conferenza programmatica dal titolo “Governare il cambiamento”. In quella occasione il gruppo dirigente del partito ebbe modo di confrontarsi pubblicamente con molti degli uomini di cultura che negli anni precedenti avevano proposto il tema della modernizzazione del Paese in un dibattito pubblico ancora inquinato da forti pregiudizi ideologici. I contenuti di quel confronto trovarono una sintesi nell’intervento di Claudio Martelli, che invitò la sinistra a lasciarsi alle spalle “la pietrificata sociologia marxista delle classi” per dare vita ad una “alleanza riformatrice fra il merito e il bisogno”: fra “coloro che possono agire” mettendo a frutto i propri talenti e “coloro che devono agire” per uscire dall’emarginazione. Oggi il tema si ripropone mentre alle porte c’è la quarta rivoluzione industriale. In particolare la promozione di un’alleanza fra “merito” e “bisogno” sembra la prospettiva più adeguata per far fronte alla crisi della base sociale che di recente ha avuto pesanti conseguenze anche in sede elettorale. E’ quindi quanto mai attuale l’esigenza di radicare la politica riformista su un terreno diverso da quello che pure ne consentì la fioritura nel secolo scorso. Se infatti la sinistra italiana vuole uscire dallo stallo in cui si trova, stretta com’è fra nomenclature obsolete e tentazioni populiste, deve immaginare nuove alleanze fra quanti possono contribuire al cambiamento grazie alle loro competenze e quanti debbono perseguire il cambiamento per uscire dal bisogno.


26 ottobre 2017

IL NUMERO 10 DE il puntO

leggilo QUI e QUI l'inserto

ERO STRANIERO - L'UMANITÀ CHE FA BENE

È in corso la raccolta firme per la proposta di legge di iniziativa popolare “Ero Straniero – L’umanità che fa bene”. E’ stata lanciata ufficialmente il 12 aprile in una conferenza stampa al Senato da Emma Bonino e dalle altre organizzazioni che, insieme a Radicali Italiani, sono promotrici della legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi–Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.

La legge di iniziativa popolare  “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari” è sostenuta dal Partito Socialista e promossa  oltre che da Radicali Italiani, da Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, con il sostegno di numerose organizzazioni impegnate sul fronte dell’immigrazione, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes Comunità di Sant’Egidio e tante associazioni locali.

A maggio è partita in tutta Italia la raccolta firme, anche con il supporto di un’ampia rete di sindaci – al momento sono già 60 – che hanno aderito alla campagna. Sono cinquantamila le firme di cittadini italiani  che servono  per sottoporre la legge all’attenzione del Parlamento.

La campagna “Ero straniero – L’umanità che fa bene” si propone di cambiare anche il racconto pubblico sull’immigrazione, fatto di pregiudizi, luoghi comuni e vere e proprie bugie che, invece di contrastare, la politica spesso sceglie di cavalcare per guadagnare consenso.

 Le proposte:

Superare la legge Bossi-Fini attraverso:

  • meccanismi diversificati di ingresso per lavoro, a partire dall’introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per ricerca di occupazione attraverso attività d’intermediazione pubbliche e private tra datori di lavoro italiani e lavoratori stranieri e dalla reintroduzione del sistema dello sponsor.
  • forme di regolarizzazione su base individuale degli stranieri irregolari – anche nel caso di richiedenti asilo diniegati – qualora sia dimostrabile l’esistenza in Italia di un’attività lavorativa o di formazione, di legami familiari, sul modello spagnolo del “radicamento”.

Riformare il sistema di accoglienza:

  • adottando unicamente il modello Sprar;
  • migliorando la qualità dei servizi attraverso meccanismi di monitoraggio efficaci;
  • investendo sul lavoro, valorizzando le forze produttive del territorio e mettendo i centri per l’impiego nelle condizioni di erogare con efficacia servizi di formazione e avviamento lavorativo attraverso appositi sportelli per l’integrazione da finanziare, a livello nazionale e regionale, ricorrendo ai fondi europei.

 Introdurre canali legali e sicuri d’arrivo in Europa:

  • implementando i programmi di reinsediamento e favorendo la creazione di corridoi umanitari
  • garantendo mobilità interna a quanti giungono nel territorio europeo e chiedono protezione: lo Stato membro competente va determinato tenendo conto innanzitutto delle esigenze familiari o umanitarie del richiedente asilo garantendo il rispetto del principio dell’unità familiare e delle clausole umanitarie del regolamento di Dublino.

Ti chiediamo di firmare presso la sede del PSI di Ravenna in v.Ghibuzza dalle 10,00 alle 12,45 dal lunedì’ al venerdì o all’anagrafe del Comune di Ravenna in v.le Berlinguer  ENTRO E NON OLTRE IL 16 OTTOBRE.

IL 24 OTTOBRE RICORRE LA LIBERAZIONE DI CERVIA
sabato 28 ottobre, guidata dal socialista Massimo Carli,
una pedalata per la visita delle fortificazioni tedesche 

Il 22 ottobre 1944 ad opera dell'esercito americano, con la collaborazione dei partigiani, avvenne la liberazione di Cervia dall'occupazione tedesca e dal governo fascista. In occasione della ricorrenza, fra le varie iniziative che vengono organizzate dal Comune di Cervia, è in programma  una “pedalata per la visita delle fortificazioni tedesche” costruite nel periodo bellico ed ancora visibili a Milano Marittima. La pedalata avverrà sabato 28 ottobre con ritrovo e partenza da Piazza Garibaldi alle ore 15,00 e la conclusione è prevista alle ore 16,30 circa per vedere l'ultimo bunker del percorso sito presso il Circolo Nautico Amici della Vela in Via Leoncavallo.
A questa “pedalata fra amici” sono invitati tutti i cittadini con qualunque tipo di bicicletta ed a fare da guida sarà il socialista Massimo Carli che una ventina di anni orsono ebbe l'incarico dalla Regione di individuare ed elencare le fortificazioni rimaste. Il partito socialista di Cervia ritiene sarebbe opportuno che anche il Comune di Cervia individuasse queste fortificazioni indicandole in una apposita mappa. Sono visibili una quindicina di bunker di grandezze diverse ed i denti di drago siti dietro agli stabilimenti balneari che dovevano servire per fermare i carriarmati da un eventuale sbarco americano. Alcuni bunker sono di difficile individuazione in quanto inseriti in costruzioni.
Le fortificazioni realizzate in cemento armato, vennero costruite dall'organizzazione tedesca TODT, con il reclutamento forzato di civili nei paesi occupati in base al progetto dell'Ing. Fritz Todt. Certamente è importante fare conoscere il ricordo di quel periodo, specialmente fra i giovani, affinché quei disastri non si possano ripetere mai più.

PUBBLICHIAMO I NUMERI 8 E 9 DI AGOSTO E SETTEMBRE 2017 DE il puntO
QUI il numero 8  •  QUI l'inserto al n. 8  •  QUI il numero 9  •  QUi l'inserto al n. 9

ALCUNE RECENTI NOTIZIE IN BREVE
Raccolta firme per la separazione delle carriere di Giudici e PM
I termini di chiusura per il rinnovo 2017 della tessera Psi
Novità nella nostra "casa" di via Ghibuzza a Ravenna, con l'apertura del Circolo Abajur
e la nuova sede del Comitato Provinciale AICS - Associazione Italiana Cultura e Sport

SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DI GIUDICI E PUBBLICI MINISTERI
È in corso la campagna nazionale di raccolta firme a sostegno della proposta di Legge di iniziativa popolare sulla separazione delle carriere di Giudici e Pubblici Ministeri. In quest’ambito, una delegazione di Socialisti e Radicali si è recata, nella giornata di mercoledi’ 27 settembre, presso le Case Circondariali di Ravenna e Forlì. Ne facevano parte Lorenzo Corelli e Francesco Bragagni del Partito Socialista, Maura Benvenuti, Ivan Innocenti e Vito Laruccia del Partito Radicale e gli avvocati Ninfa Renzini, Marco Gramiacci e Filippo Poggi; con loro, in veste di autenticatori, Il vicesindaco di Ravenna Eugenio Fusignani e i consiglieri comunali Massimo Manzoli di Ravenna e Ludovico Zanetti di Forlì.

IN DIRITTURA D’ARRIVO IL TESSERAMENTO 2017
Coloro che non abbiano ancora rinnovato la tessera Psi per il 2017 sono invitati a provvedervi entro il 31 ottobre, secondo le solite modalità: tramite bonifico per usufruire della detrazione fiscale del 26% (coordinate bancarie: Partito Socialista Federazione Provinciale di Ravenna IT56C 06270 13183 CC08300092239), ovvero presso le nostre sedi territoriali, o in Federazione in via Ghibuzza 12 Ravenna, dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,45.

APRE IL CIRCOLO ABAJUR
Con l'inauguraziione di domenica 1 ottobre ha ripreso la propria attività, nei locali elegantemente rinnovati ed ampliati, il pub del circolo di via Ghibuzza 12 a Ravenna, dove vi apettano Costanza, Filippo e Giovanni, che imparerete a conoscere e ad apprezzare al Circolo ABAJUR.
APERTO DAL MERCOLEDÌ ALLA DOMENICA dalle 18,00.
IL GIOVEDÌ SERATA UNIVERSITARIA: Happy Hour dalle 18-19,30.
Tanti gli appuntamenti nel mese di ottobre: il 4-8-11-18-25 proiezione di film e documentari; il 13-20-22-27 live di band internazionali. 339 2893173.  
INGRESSO RISERVATO AI SOCI AICS

RAVENNA. NUOVA SEDE DELL’AICS
Dal 1°settembre Il comitato provinciale dell’Associazione Italiana Cultura e Sport si è trasferito in via Ghibuzza 12 - 48121 Ravenna.

CHI HA PAURA DI PISAPIA?
e di una sinistra di governo, laica e riformista,
rappresentata da socialisti, verdi e radicali

Assistiamo con stupore e rammarico, ad un'escalation di attacchi nei confronti di Giuliano Pisapia e del suo tentativo di federare in autonomia ed unità una sinistra di governo che non si riconosce più nel Pd, pur considerandolo un interlocutore obbligato. La grossolanità dell'ultima polemica per la foto che lo ritrae insieme alla sottosegretaria Boschi, ha raschiato il fondo della decenza del dibattito politico. Cosa ha fatto dunque di grave Pisapia?  Si propone come federatore e non come monarca dal pugno di ferro, evidentemente un peccato mortale in un periodo di riflusso in cui si cercano figure carismatiche. E' programmaticamente aperto al dialogo con tutte le forze progressiste, in tempi in cui le seduzioni identitarie ed elitistiche trovano nuova linfa. Ha l'ambizione di ricostruire un centro sinistra credibile di governo, inclusivo ed autorevole, in un periodo in cui una parte della sinistra si rifugia in stereotipi scambiati per tradizioni, in rancori spacciati per linea politica. Questo si imputa a Pisapia: il tentativo di unire e di dare una forma dignitosa ad una sinistra che, ad oggi, risulta soccombente sul piano elettorale. Naturalmente, come da tradizione, gli attacchi, sempre più virulenti vengono tutti da una sinistra di duri e puri, impermeabili alla contemporaneità, indisponibili a mettere in discussione il candore delle proprie anime per quisquilie quali sono salvare il Paese dall'avanzata delle Destre, l'antieuropeismo montante, il declino sociale e culturale del Paese. E se invece fosse solo paura? Paura di chi ha l'ambizione di governare mettendo al centro l'Europa solidale, l'immensa questione sociale, i diritti, l'emergenza ambientale? Paura di dovere dismettere il riflesso condizionato di essere solo "contro" ed invece scegliere di sporcarsi le mani con una realtà aspra e foriera di insidie e di pericoli? La strada che ha scelto Pisapia, pur nel nobile solco della tradizione Riformista italiana, è tutta da costruire, velocemente ma senza fretta. Basta con i processi alle intenzioni, soprattutto quando certe intenzioni sono del tutto inventate. Prima si dialoga, poi si giudica.

E SE LA BONINO ... Sono anni che insisto, poco ascoltato in taluni settori del mio stesso Partito. L'ho fatto attraverso il documento appello ai radicali e ai socialisti firmato assieme a Giovanni Negri, poi seguendo i primi vagiti della nuova associazione Marianna, e infine prendendo contatto coi verdi Boato e Bonelli. Riprendo a parlarne dopo l'appello del 31 luglio, a firma di Adriano Sofri. "Si chiedono in tanti : ma in Italia non abbiamo uno anche anziano come Bernie Sanders o Jeremy Corbyn che sappia parlare al cuore e alla ragione delle persone, e specialmente ai giovani? Be', ne abbiamo una. E' Emma Bonino. La differenza non sta nel fatto che lei è donna e loro no. Sta nei partiti cui sono associati: i Democratici americani e i Laburisti britannici. Emma, Radicali italiani. Questa differenza fa di Emma l'invitata d'onore di una quantità di adunanze, cui dice le sue cose, essenzialmente su Europa e migranti, cioè sull'essenziale, senza lisciare il pelo all'uditorio di turno, e dopo averla applaudita le varie adunanze passano imperturbate all'ordine del giorno. I rivali di Emma vedono in questo una smania personale di riconoscimento istituzionale. I suoi ospiti temono di vedersi occupare il loro arruffato nido di cuculo".  Come non essere d'accordo. Vado più in là. E' possibile costruire attorno a Emma un polo, un soggetto, una coalizione, una semplice lista che tra qualche mese si presenti per raggiungere una percentuale accettabile alle ormai imminenti elezioni politiche? Non si tratterebbe di sommare debolezze, cioè di incollare partiti, movimenti, candidati di diversa estrazione, ma della possibilità di investire su un leader e valutare la sua capacità di trascinamento. Siamo sicuri che in una fase in cui si cerca l'uomo o la donna, giocare la carta Bonino non possa produrre effetti interessanti? Con quale legge elettorale? Posso rispondere: con qualunque. (Mauro del Bue)

APPUNTAMENTO AD ORVIETO
RIPENSARE L’ITALIA, SERVIRE I CITTADINI


Dopo il successo della consultazione popolare di metà giugno, svoltasi on line e presso i gazebo e i circoli socialisti di tutta Italia, il primo appuntamento è una sessione programmatica del Consiglio nazionale assieme agli amministratori locali e agli iscritti under 40 del Partito, che si terrà ad Orvieto l’8 e 9 settembre. Discuteremo di importanti progetti per l’Italia e per le città, sotto l’egida della Fondazione Socialismo.
Il programma della convention si svilupperà dal pomeriggio di venerdì 8, con inizio alle 17.00, all’intera mattinata di sabato 9, per terminare alle 13.30 con le conclusioni di Riccardo Nencini.
 
I Consiglieri nazionali, gli amministratori locali, gli under 40 e quanti altri fossero interessati a partecipare alla convention, potranno fin d'ora regolare i propri impegni, per tenersi liberi in quelle giornate ed eventualmente, nei singoli territori, concertare l'organizzazione della trasferta ad Orvieto.

Sei qui: Home